• Home
  • Archivio Notizie
  • 2018
  • Si chiude "Gioppino incontra le maschere"

 NOTIZIE 

 

Si chiude "Gioppino incontra le maschere"

E se la partenza ha fatto il botto, la conclusione non è stata da meno.

Il clou dei festeggiamenti per il decimo compleanno della nostra associazione ha visto, domenica 26 agosto scorso, la splendida performance di Eugenio De’ Giorgi, autore, attore e regista teatrale, consacrato dalla critica come “erede spirituale” di Dario Fo che, con il suo “Arlecchino 8.0”, ha offerto ad un pubblico oltremodo attento, uno spettacolo divertente, originale, ben orchestrato, ricco di giochi verbali, di movimenti in scena,di battute esilaranti e di spunti di riflessione. Due ore di lavoro ininterrotto e intenso (ha interpretato, lui solo, almeno una decina di personaggi tra cui una gallina irresistibile) partendo dal teatro classico, sconfinando nell’impegno civile e trascinando con sé, è proprio il caso di dirlo, tutti gli spettatori.

Ma Eugenio De’ Giorgi non è stato che l’ultimo (primus inter pares, s’intende) dei protagonisti illustri che hanno affollato, durante l’evento “Gioppino incontra le maschere” le nobili sale del bellissimo borgo antico del Padergnone. Durante la serata di giovedì 23 agosto era infatti toccata ai due grandi attori Giovanni Locatelli e Piero Marcellini la parte di Pantalone il Magnifico e del suo servo Zani nella conferenza-spettacolo di Marco Rota (attore, scrittore e regista teatrale) “Zani padrone di se stesso”.

Venerdì 24 agosto, invece, un’accesa tavola rotonda cui hanno partecipato relatori del calibro di Luigi Minuti, Marco Rota, Piero Marcellini, Giovanni Locatelli, Eliseo Locatelli, Gianluigi Della Valentina e Bruno Poieri, ha cercato di dimostrare, non senza qualche contestazione sulla provenienza di Arlecchino, come l’identità di un popolo passi necessariamente dal territorio in cui vive, dalla lingua nella quale si esprime e dai personaggi, veri o immaginari, che ne fanno parte. Il tutto accompagnato dai piatti deliziosi di Emanuela Tolotti, dal corroborante caffè di Mario Pelis e dagli ottimi vini de “Gli amici del Moscato”. In più, ad accogliere chi varcava la soglia del Padergnone (affollatissime le visite guidate al quattrocentesco complesso a cura dei nostri Lorenzo e Carla) le bellissime maschere di “Venezia Dream”e il laboratorio di Salvatore Signorelli che ha realizzato, per la gioia di grandi e piccini, delle bautte in lattice proprio incantevoli. Hanno invece popolato la veranda liberty le coloratissime, misteriose, eleganti dame, abbigliate con l’aiuto di Serena Pelis della scuola SILV, dal genio creativo di Franz Cancelli. E ora? I lavori sono conclusi.

“Gioppino incontra le maschere” l’evento 2018 dell’associazione culturale “Ol Giopì de Sanga” è finito. La collezione di Bruno Poieri è tornata a Iseo così come la “bocca infernale” è stata ricollocata presso il comune di Adro. L’antico borgo del Padergnone sembra solitario. La superba torre dell’orologio che scandisce l’inesorabile passare del tempo, controlla dall’alto che tutto proceda secondo la placida, solenne magnificenza di sempre. I cigni hanno ripreso a scivolare leggeri sull’acqua del laghetto senza essere oggetto di fastidiosi (secondo loro) scatti fotografici e le statue di pietra sono tornate a dormire i loro filosofici sonni tranquilli. Il presunto fantasma del Padergnone? In silenzio anche lui. Al momento non cammina, non trascina catene, non accenna a manifestarsi. E forse, o senza forse, è tempo di riposo anche per le famiglie Mascheretti, che ci hanno generosamente accolto tutti dentro casa, facendoci sentire assolutamente a nostro agio quasi fossimo persone di famiglia.

Infine noi. Noi? Noi, mentre, con un pizzico di nostalgia, ci riprendiamo dalla stanchezza dei giorni scorsi (ma quanto è faticoso allestire e seguire un evento se si vuole farlo bene!) abbiamo già cominciato a consultarci su quello che realizzeremo nel 2019. E’ ancora top secret ma il nostro presidente Ennio Guerini non nasconde di avere idee piuttosto chiare in proposito. Dunque per ora, ma solo per ora, è calata le tela.

 

Per visionare il video riassuntivo della minifestazione cliccare qui

 

 

 

SEGUICI SUI SOCIAL NETWORKS